maxresdefault

Daniele Santamaria Maurizio, nasce a Latina il 26/09/1964. A soli 16 anni esordisce come Regista teatrale, portando in scena la celebre commedia di Aristofane “ Le Nuvole”, nell’ambito di una manifestazione amatoriale scolastica.


Nel 1987, come aiuto Regista si fregia dell’esperienza del noto regista Enzo De Pasquale, che lo vuole come aiuto nelle riprese televisive della “Notte del Mito” telediffuso dalla RAI , sulla costa della splendida oasi del Cilento Capo Palinuro.
Studia la Cinematografia applicata alle nuove frontiere tecnologiche del digitale e apprende tutte le nozioni di base alla grammatica e al linguaggio cinematografico.

Nel maggio del 2007,Fabrizio Caleffi e Kyara Van Ellinkhuizen, rispettivamente produttore esecutivo e Produttrice della EX-DOGMA 99, selezionano un soggetto chiamato”Il mio nome è nessuno”che tradotto in Call Me Nobody, scritto da Daniele Santamaria Maurizio, sancirà l’esordio di quest’ultimo alla regia cinematografica, con lo pseudonimo di Mikey Capo. Il film di tipo medio-metraggio dedicato alla memoria di Sergio Leone, verrà presentato al Festival di Venezia edizione 2008, nella sezione prime opere.

Nel novembre 2011, dopo aver accuratamente studiato la vicenda processuale inerente la Strage alla Stazione di Bologna, Daniele Santamaria  Maurizio scrive il soggetto del film” Bologna 2 Agosto i giorni della collera” e ne cura la regia e direzione del film unitamente a Giorgio Molteni. Il Film unico nel suo genere prodotto da Virginio Moro per TELECOMP PLANET FILM PRODUCTION uscirà nelle sale Italiane il 29-maggio-2014 con presentazione della prima proiezione alla Stampa Nazionale presso La casa del Cinema a Roma.

Nel Settembre 2012, dopo un incontro e un feeling artistico a prima vista con la giovanissima Imprenditrice Debora Castellani e con la mediazione di Manuel Kerry, rispettivamente Produttrice e Produttore esecutivo, scrive il soggetto di un cortometraggio “11 Comandamento Non deviare” di cui curerà la regia. 

Il Cortometraggio nel giugno 2013 risulterà primo classificato, per maggior numero di preferenze acquisite e migliore pellicola laziale al Festival Internazionale Pontino di Latina. Successivamente il cortometraggio verrà selezionato e apprezzato tra i primi dieci classificati Italiani presso il film festival Internazionale di Bolzano e verrà ulteriormente apprezzato e selezionato tra i primi dieci nel luglio 2018 al Festival dei Tulipani Neri di Seta e dalla RAI .


Nel Gennaio 2018, scrive la TRILOGIA DEL MALE, n 3 capitoli cinematografici composti da 3 film di tipo cortometraggi della durata di 30 minuti cadauno, così suddivisi: primo capitolo “LATI OSCURI”; secondo capitolo “E LIBERACI DAL MALE”; terzo capitolo “ROMANZO DI UN MOSTRO”. 

Questi cortometraggi saranno prodotti da Manuel Kerry per HUMAN VALUE FILM PRODUCTION con la regia di Daniele Santamaria Maurizio. LATI OSCURI già girato a maggio 2018; E LIBERACI DAL MALE,girato ottobre 2018; ROMANZO DI UN MOSTRO, verrà girato a Tuscania(VT) con inizio riprese 26.02.2019.

Dal Set di Bologna 2 Agosto...Schegge

Presentazione del Regista

Sono Daniele Santamaria Maurizio e mi occupo di regia cinematografica.La mia esperienza è legata ad una passione che ha radici molto lontane nel tempo.Ho iniziato il mio percorso come aiuto-regista nel 1987 collaborando alla realizzazione della “NOTTE DEL MITO” prodotta dalla RAI con la regia di Enzo De Pasquale.La mia evoluzione nel settore passa attraverso l’esperienza coniugata alla scrittura di un film dalla sua nascita, attraverso la composizione del soggetto e del trattamento.Ho sempre pensato che la creatività fosse alla base di questa professione,poichè non sempre la scrittura e mi riferisco alla sceneggiatura, viene contemplata totalmente.Talvolta avverto l’esigenza di modificarne la sequenza ovvero anche cambiarla laddove non ritengo credibile la scena che sto realizzando.Un film,secondo il mio parere, non è un insieme di fotogrammi,bensì deve possedere una sua identità strutturale senza la quale il messaggio diventa privo di contenuti giungendo asettico allo spettatore .Il soggetto, nella sua genesi, deve conquistare non solo la mia fantasia ma deve anche alimentare quel desiderio di vederlo realizzato da personaggi e da una fotografia che lo renda affine al contesto creato a cui voglio dare un corpo ed un’anima.Quando sono sul set pretendo molto dal Direttore della Fotografia e dagli attori alla cui recitazione presto tutta la mia attenzione con una buona dose di pignoleria.Guardo sempre ogni scena con l’occhio dell’interlocutore che guarderà quella sequenza di inquadrature,campi,master e quant’altro giovi a rendere le immagini fedeli alla storia che desidero raccontare.Nella TRILOGIA DEL MALE, che ho scritto e diretto nei suoi tre capitoli(LATI OSCURI-E LIBERACI DAL MALE-ROMANZO DI UN MOSTRO), i rispettivi protagonisti guardano ad un mondo cupo che li avvolge,ma non perdono mai il coraggio della lotta per non subire gli eventi nefasti avendo la determinazione di poter sempre prevalere su di essi.